Home Attualità “Facciamo chiarezza sul Centro Risvegli a Ceglie Messapica”

“Facciamo chiarezza sul Centro Risvegli a Ceglie Messapica”

Nota a firma di Tommaso Gioia, consigliere per la Sanità del presidente della Regione Puglia

da Redazione
0 commento 230 visite

CEGLIE MESSAPICA – Riceviamo e pubblichiamo nota a firma di Tommaso Gioia, consigliere per la Sanità del presidente della Regione Puglia. 

Il Centro Risvegli a Ceglie Messapica diventa realtà, ieri è stata approvata la delibera per l’aggiudicazione della gara e per l’affidamento dei lavori. Era da almeno una settimana che attendavamo la chiusura dell’iter, i controlli, le procedure e le firme necessarie dei responsabili, finalmente l’11.01.2023 è arrivata la delibera. Tutto ciò non è arrivato per caso, per magia o per altro, è invece il frutto di un impegno costante del centro-sinistra cegliese, dell’amministrazione regionale di centro-sinistra a guida Michele Emiliano e della direzione della Asl di Brindisi attuale e precedente.

Il management della Asl di Brindisi, a seguito di controllo preciso e competente fatto dall’area tecnica, ha assegnato al Raggruppamento Temporaneo d’Impresa (Lfm spa di Bari e la Ilario Group di Brindisi) i lavori per la costruzione del centro.
Un ringraziamento particolare va fatto al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, perché ha mantenuto, come sempre, la promessa e ha destinato circa 10 milioni da risorse della Programmazione Por per la costruzione di un Centro Risvegli a Ceglie Messapica, una struttura di eccellenza che avrà una valenza interregionale, tra le pochissime in tutto il mezzogiorno d’Italia.

Le attività, puntuali, svolte dall’Ufficio Tecnico dell’Asl sono state effettuate in tempi congrui, in considerazione del fatto che fare una gara in una pubblica amministrazione non è mai cosa facile, e che nella fattispecie per l’aggiudicazione di una gara sopra soglia occorrono tempi lunghi, sia per il completamento della procedura di verifica di congruità dell’offerta, sia per le verifiche di legge a garanzia della serietà, della sostenibilità e della sostanziale affidabilità della proposta contrattuale. Tutto questo per evitare che l’appalto sia aggiudicato a prezzi eccessivamente bassi, tali da non garantire la qualità e la regolarità dell’esecuzione del contratto oggetto di affidamento.

Tommaso Gioia

Condivi la notizia

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da parte di questo sito web.

CeglieOggi – redazione@ceglieoggi.it


Direttore Responsabile ed  Editoriale: Ivano Rolli  

Copyright ©2023 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND