Home Cultura e Spettacolo PRESENTAZIONE UFFICIALE DELLE MOSTRE DELLA RASSEGNA “NUCRÉ”

PRESENTAZIONE UFFICIALE DELLE MOSTRE DELLA RASSEGNA “NUCRÉ”

da Redazione
0 commento 122 visite

Giovedì 7 luglio 2021, alle ore 18.30 nella sala consiliare del Castello Ducale di Ceglie Messapica, in occasione delle Celebrazioni del quarantennale della scomparsa di Emilio Notte (30 gennaio 1891, Ceglie Messapica − 7 luglio 1982, Napoli) si terrà la conferenza stampa di presentazione della prima edizione di NUCRÉ | Rassegna di arte contemporanea ospitata nel Castello Ducale − Pinacoteca Emilio Notte e in altri luoghi della città di Ceglie Messapica (BR).
Interverranno: il Sindaco Angelo Palmisano, l’Assessore alla Cultura Antonello Laveneziana, gli ideatori della rassegna Rita Urso e Arechi Invernizzi (Artopiagallery, Milano), il curatore e giornalista Roberto Lacarbonara.

Il titolo della rassegna, NUCRÉ, è una parola composta dai termini dialettali “nu” + “cré” e rappresenta una ricorrente formula idiomatica del territorio con cui si indica generalmente “un domani”, allusione e suggestione usata in forma di speranza, di promessa, di destino.
Il termine fa riferimento a una delle più celebri poesie di Pietro Gatti, autore cegliese tra i più influenti poeti regionali del Novecento, cui è dedicata la Biblioteca civica annessa allo stesso Castello Ducale (“p’a speranze de nu cré sarà cchjù mmegghje”, da A terra meje, 1976).

A partire da questa suggestione di proiezione verso il futuro, NUCRÉ | Rassegna di arte contemporanea, che aprirà al pubblico il prossimo 6 agosto 2022, intende avviare una riflessione sui luoghi, sui paesaggi e sul patrimonio culturale e antropologico dell’intero territorio attraverso lo sguardo degli artisti contemporanei e il dialogo con la storia e la memoria collettiva. Due le mostre di questa prima edizione, ospitate all’interno di due sedi differenti.

Il Castello Ducale − Pinacoteca Emilio Notte sarà la sede della mostra collettiva “FRAMMENTO E ORNAMENTO” a cura di Roberto Lacarbonara. Ideata in stretta relazione con l’opera di Notte Oggetti (1969) ospitata nella Pinacoteca, l’esposizione include i lavori di artisti contemporanei, italiani e internazionali, chiamati a indagare il carattere sempre parziale, frammentario, indiziario dell’opera, intesa come elemento di una unità perduta o indefinita. A partire dalla memoria dei preziosi apparati iconografici e ornamentali che decoravano il castello, riccamente affrescato nel XV secolo dalla famiglia Sanseverino − le cui tracce ancora visibili appaiono sulle mura dell’adiacente Biblioteca civica − le opere degli artisti definiscono una ipotesi di ritrovamento, la presenza di lacerti visivi residuali e discontinui, presenze “quasi-archeologiche” che riattivano indizi immaginifici di grande potere evocativo.
In mostra le opere di: Emanuele Becheri, Max Bill, T-Yong Chung, Gabriella Ciancimino, Benjamin Cohen, Antonio Corpora, Francesco Gennari, Giorgio Griffa, Franco Guerzoni, Jean-Baptiste Maitre, Vincenzo Marsiglia, Elizabeth McAlpine, Diego Miguel Mirabella, Davide Monaldi, Emilio Notte, Achille Perilli, Markus Saile.
Inaugurazione: sabato 6 agosto 2022, dalle 19 alle 21. Ingresso gratuito
Dal 6 agosto al 15 settembre, Castello Ducale di Ceglie Messapica, Via Chiesa 11

Il Trullo Rubina in contrada Menzella a Ceglie Messapica sarà la sede della mostra collettiva “DOVE LA TERRA INCONTRA IL CIELO”, un progetto dedicato a Rubina Ciraci, a cura di Giulia Bortoluzzi.
Il progetto si propone come una riflessione sulla relazione tra la tradizionale vocazione agricola dei Trulli e l’importanza che l’osservazione e la conoscenza della natura, in particolare del cielo, da sempre caratterizzano il lavoro della terra. Queste antiche costruzioni, tipiche del territorio pugliese, sono infatti legate a origini contadine tanto nella loro forma architettonica quanto in un’accezione storico-antropologica. Con la loro forma quasi a cupola i Trulli si slanciano verso l’alto e spesso all’esterno riportano segni e simboli, appartenenti a diverse culture (cristiana, ebraica, pagana etc.), che rimandano alla conoscenza dei regimi atmosferici, della natura del clima, e dell’osservazione delle stelle. La relazione tra terra e cielo emerge spontanea nell’incontro col territorio, ed è osservata sia dal punto di vista materico, nella sua architettura e artigianalità, sia da quello metaforico, legato a visioni cosmologiche ed esistenziali. Con le loro opere, gli artisti coinvolti invitano a osservare l’architettura che li ospita e il paesaggio circostante in nuove relazioni capaci di attivare inediti significati e sensazioni.
In mostra le opere degli artisti: Pamela Diamante, Elise Eeraerts, Andrea Francolino, Luigi Ghirri, Carlo Guaita, Bea McMahon, Niamh O’Malley, Fabio Roncato, Martinelli Venezia.
Inaugurazione: sabato 6 agosto 2022, dalle 21 alle 23. Ingresso gratuito
Dal 6 agosto al 4 settembre 2022, Trullo Rubina, Contrada Menzella, Ceglie Messapica.

Un progetto di:
Rita Urso e Arechi Invernizzi (Rita Urso Artopiagallery)
www.artopiagallery.it
artopiagallery@gmail.com
+39 3137994

Patrocinio:
Città di Ceglie Messapica

A cura di:
Giulia Bortoluzzi
Roberto Lacarbonara

Ufficio Stampa:
Mila Uffici Stampa
Alessandra Montemurro: +39 328 951 8532
Michela Ventrella: +39 349 526 0370
info@milaufficistampa.it

Design e comunicazione:
Marco Spinelli Studio
www.marcospinelli.eu

L’Assessore alla Cultura Antonello Laveneziana
Il Sindaco Angelo Palmisano

Condivi la notizia

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da parte di questo sito web.

CeglieOggi – redazione@ceglieoggi.it


Direttore Responsabile ed  Editoriale: Ivano Rolli  

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND