Home Cultura e Spettacolo Nuovo libro pubblicato da Stefano Menga dal titolo “Terra rossa e alamari d’argento”

Nuovo libro pubblicato da Stefano Menga dal titolo “Terra rossa e alamari d’argento”

da Redazione
0 commento 307 visite

 La nuova iniziativa editoriale dell’autore cegliese che, da sette anni risiede stabilmente a Novedrate (CO) per motivi lavorativi, ripercorre la storia del Carabiniere cegliese deceduto in guerra durante un aspro combattimento.

  La vicenda narrata e descritta in questo volume riguarda il Carabiniere Vito Lacorte, nato in Ceglie Messapica (BR) il 10 marzo 1907 e deceduto, a soli 33 anni, il 5 giugno del 1941 durante un aspro combattimento avvenuto in Africa Orientale, nei pressi del fiume Omo Bottego (Gimma).                            

 Con questa pubblicazione l’autore vuole divulgare la vicenda che coinvolse il Carabiniere Vito Lacorte, al fine di informare la collettività, e rendere il dovuto rispetto nella memoria e nel ricordo ai familiari e all’Arma dei Carabinieri.

 

Dalle parole del Generale dei Carabinieri Domenico Strada che ne ha curato la prefazione: “L’opera realizzata dall’autore Stefano Menga, che mi è concesso il privilegio di introdurre, riguarda la vicenda di un giovane soldato nativo e originario di Ceglie Messapica, caduto sul campo di battaglia in Etiopia.

 Ricordare un soldato caduto in battaglia non costituisce uno sterile esercizio di retorica bellicista, ma è un doveroso contributo alla memorialistica della nostra comunità.

 Dopo 80 anni si è ormai placato il fragore assordante della propaganda di un regime velleitario che, a fianco di un alleato feroce,  ha mandato a morire centinaia di migliaia di concittadini sui campi di battaglia, sotto i bombardamenti e nei campi di concentramento.

 Molti sono partiti indossando una uniforme chiamati a combattere una guerra certamente più ingiusta di tutte le altre.

 Fra questi vi era Vito Lacorte, un giovane Maresciallo dei Carabinieri Reali, un ragazzo come tanti della nostra Ceglie Messapica, partito inseguendo un sogno alla ricerca  di un riscatto, di un semplice posto di lavoro, di una vita migliore, ma con la certezza, in fondo al cuore, di farvi ritorno.

E’ andato via e, destinato in Etiopia, è caduto in combattimento, così è stato comunicato ai suoi genitori.

 Non si sa nemmeno dove è sepolto; lo Stato gli ha tributato una Medaglia d’Argento al Valore Militare che la famiglia ha inteso donare alla Stazione Carabinieri della nostra cittadina quasi per suggellare la continuità della duplice appartenenza, alla propria terra e all’Arma dei Carabinieri.

 Vito Lacorte ha servito il suo Paese, fino all’estremo sacrificio, con disciplina ed onore, gli stessi valori, richiamati dalla Costituzione Repubblicana, che devono contraddistinguere l’agire dei nuovi e più consapevoli cittadini.

 E’ questa l’eredità morale che ci è stata lasciata da questo ragazzo che non può essere dimenticato perché costituisce una parte nobile delle radici della nostra città dando il senso che l’impegno e la determinazione devono ispirare ancor più soprattutto le nuove generazioni.”

Condivi la notizia

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da parte di questo sito web.

CeglieOggi – redazione@ceglieoggi.it


Direttore Responsabile ed  Editoriale: Ivano Rolli  

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND