Home In evidenza Struttura senza collaudo: “Soldi pubblici al vento, il sindaco si dimetta”

Struttura senza collaudo: “Soldi pubblici al vento, il sindaco si dimetta”

Il Partito Democratico chiama in causa le responsabilità dirette del Segretario Comunale e invia tutto alla Corte dei Conti, Autorità Anticorruzione e Prefettura

da Redazione
0 commento 109 visite

CEGLIE MESSAPICA – Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa del Partito Democratico di Ceglie Messapica relativo alla risoluzione consensuale, con possibile danno erariale,  da parte del Comune di Ceglie e la ditta appaltatrice del contratto per il servizio di noleggio e posa in opera di una struttura pressostatica da ubicare presso la scuola “L. Da Vinci” a Ceglie Messapica.

Il Partito Democratico di Ceglie Messapica si vede costretto, ancora una volta, a dover evidenziare alle
varie autorità di controllo amministrativo l’approssimazione e cattiva gestione amministrativa della
maggioranza di destra che gestisce il Comune di Ceglie Messapica . In data odierna abbiamo inviato una
nuova “Informativa” alla Corte dei Conti, all’Autorità Nazionale Anticorruzione e al Prefetto di Brindisi in
merito a quello che ,secondo noi, è un ulteriore provvedimento e iter amministrativo privo di legittimità
con possibile danno erariale alle casse del nostro Comune. La questione riguarda la realizzazione presso la
scuola “L. da Vinci” di una struttura pressostatica da utilizzare come palestra. La scuola è priva della
palestra coperta da oltre 13 anni. L’attuale amministrazione comunale e la precedente non sono state in
grado di fare i necessari lavori per renderla fruibile. In data 11 gennaio 2024 il Comune di Ceglie, dopo un
iter amministrativo molto discutibile, firma il contratto con una ditta di Vicenza per la realizzazione di un
pallone pressostatico . L’ impegno di spesa per l’utilizzo della struttura per il periodo invernale viene
determinato in 25.600,00 euro.

Soprassediamo alle tante problematiche legate al periodo di utilizzo e sul costo della struttura,
considerazioni, comunque, evidenziate alle autorità di controllo interessate .Con questa nota ci limitiamo a
evidenziare l’ultimo atto di questa strana e incomprensibile situazione amministrativa.
Con la Determinazione n. 244 del 18.04.2024, dopo che alla fine del mese di Marzo la struttura si era
miseramente sgonfiata e dopo il successivo sopralluogo, alla presenza della ditta appaltatrice del servizio ,
l’ente comunale di Ceglie Messapica arrivava alla conclusione di dover realizzare una risoluzione consensuale
del contratto di un servizio probabilmente mai regolarmente concretizzato, considerato che non risulta, dalla
lettura delle carte, lo specifico collaudo. Ciò malgrado si rende disponibile a pagare la quasi totalità della
somma impegnata per la prevista fruizione di 4 mesi.

Dalla lettura dell’atto amministrativo, pur non avendo usufruito del servizio, non sembra che ci siano specifiche contestazioni del Comune alla ditta. Non si fa riferimento al collaudo della struttura né si indica lo stato dell’arte al momento del sopralluogo. La domanda che ci facciamo, e che abbiamo evidenziato ai vari enti di controllo amministrativo, è la seguente : se il Comune non contesta la mancata fruizione del servizio anzi si rende disponibile a pagare la somma di euro 22.897,00 alla ditta, di chi è la responsabilità o la causa imponderabile che non ha consentito ai ragazzi della
scuola l’utilizzo regolare della struttura sportiva ? Il non sollevare un contenzioso contro la ditta è finalizzato
a risparmiare qualche euro ,così come riportato a giustificazione della scelta fatta o c’è qualcosa di meno
nobile che determinerebbe responsabilità dirette da parte di qualcuno all’interno dell’ente comunale?

Non è possibile buttare al vento i soldi dei cittadini. Riteniamo necessario fare chiarezza. Ci rendiamo conto
che la verità e la giusta soluzione a questo obbrobrio amministrativo non potrà scaturire facendo
affidamento sul sistema di controllo interno al Comune. Controlli, lo affermiamo ancora una volta, inesistenti
all’interno del Comune di Ceglie Messapica. In merito evidenziamo ancora una volta le responsabilità dirette
del Segretario Comunale. Per questa situazione e per tante altre, chiedere le dimissioni del sindaco e della
giunta è certamente perdita di tempo. La speranza è che i vari enti esterni di controllo amministrativo
intervengano per mettere fine a questo tormento amministrativo che continua ad umiliare la città di Ceglie
Messapica.

Partito Democratico Ceglie Messapica

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da parte di questo sito web.

CeglieOggi – redazione@ceglieoggi.it


Direttore Responsabile ed  Editoriale: Ivano Rolli  

Privacy Policy Cookie Policy

Copyright ©2023 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND