UN FLOP LA SANIFICAZIONE DELLE STRADE. CAROLI E LOCOROTONDO VENGA RIFATTA CON ATTENZIONE

Nei giorni 14 e 17 Marzo il Comune ha provveduto alla sanificazione delle strade della Città. In tanti cittadini e politici hanno invocato questi interventi che potessero servire a sanificare le  strade, i marciapiedi e luoghi di maggior afflusso.

Dobbiamo però documentare che questo non è avvenuto nella forma migliore e nel modo in cui tutti si aspettavano. Il mezzo che ha attraversato le strade di Ceglie non ha effettuato il lavaggio completo delle zone. Sappiamo quanto sia necessario che vengano lavati i marciapiedi, i sacrati delle Chiese, le zone  in prossimità degli ingressi a Farmacie o attività commerciali.

Non basta passare per le strade con un mezzo meccanico, ha dichiarato Luigi Caroli, serve l’operaio che con la lancia idraulica raggiunga i punti più estremi e non raggiungibili diversamente.  Quello che è accaduto sia il 14 che il 17 Marzo ha dell’inverosimile, continua Caroli, alcune operazioni vanno fatte di giorno e vanno attenzionate le zone sensibili dove la gente si reca giornalmente per i beni di prima necessità. Gli uffici predisposti e il responsabile di area siano più attenti a questi interventi e operazioni.

Anche Francesco Locorotondo, candidato Sindaco della Lega – Salvini Premier, chiede maggiore attenzione e frequenza nelle operazioni di lavaggio, e invita l’Amministrazione a rivedere la sanificazione che in questi giorni si sta effettuando nella nostra città, in quanto non è da considerarsi sufficiente, per i seguenti motivi:

1.Non viene effettuata sui marciapiedi;

2. Sarebbe opportuno che la stessa venisse eseguita in maniera massiccia davanti ai luoghi più sensibili in questo momento, quali Ospedale, Farmacie, Poste, Banche, Supermercati;

Abbiamo riportato alla Commissaria le lamentele dei cittadini chiedendo se sono previsti nuovi interventi per sanare questa situaizone. In questo video, documentato da un cittadino,  quello che è accaduto ieri sera a Ceglie Messapica.

 

Condivi la notizia
administrator

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *