Scoppia la polemica a Ceglie Messapica. Sottovalutata l’allerta meteo

 

Scoppia la polemica a Ceglie Messapica dopo che il Comune ha sottovalutato l’allerta meteo,  annunciata già da qualche giorno  dalla Protezione Civile,  per la giornata di oggi 12 Novembre.

A differenza dei Sindaci, della maggior parte dei comuni del brindisino,  la Commissaria del Comune di Ceglie Messapica ha ritenuto di non emettere alcuna ordinanza per la chiusura delle scuole.

Già intorno alle 17, della giornata di ieri, la nostra Redazione aveva contattato la Commissaria per chiedere se avesse intenzione di emettere un’ordinanza ma ci era stato risposto che non lo riteneva utile trattandosi di una allerta arancione.

Quella allerta però, fatta soprattutto di indicazioni per le forti raffiche di vento,  non ha risparmiato danni alla città di Ceglie  per il forte temporale che si sta abbattendo ancora sulla città  e che insieme alle raffiche di vento provocano paura ai cittadini.

In tanti genitori, docenti e alunni hanno sperato, sino alle prime ore di questa mattina, che giungesse quella tanto attesa ordinanza, seppure per soli venti  minuti ieri sera li aveva lasciati sperare, visto la voluminosa pioggia che cadeva e le raffiche di vento che smuovevano alberi e pali.

immagine n. 1

Andiamo per ordine raccontando la cronaca di quanto accaduto.  Intorno alle 20,00, mentre sui social in tanti chiedevano informazioni, alcuni genitori ci segnalano che sul sito del Comune era stata pubblicata una notizia riportante le indicazioni per la sicurezza dei cittadini con la notizia che era stata emessa un’ordinanza di chiusura delle scuole (vedi immagini n. 1). Prontamente, certi dell’ufficialità del portale comunale nella sua funzione di albo, abbiamo prontamente ripreso la notizia pubblicandola sulla nostra testata. La notizia in cinque minuti ha raggiunto circa venti condivisioni raggiungendo in poco tempo quasi duemila utenti che a loro volta hanno dato risalto e amplificato la notizia. Notizia  che però abbiamo dovuto smentire dopo appena venti minuti per un errore commesso da un Dirigente Comunale,  che nel voler dare notizie utili alla cittadinanza sull’allerta,  ha fatto un copia e incolla dal sito di qualche altro comune che aveva emesso l’ordinanza di chiusura delle scuole. La  frase in questione  è stata cancellata dopo essersi accorti dell’errore.

Già durante l’incontro con i giornalisti avevamo chiesto alla dott.ssa Cicoria, di fare attenzione alla comunicazione istituzionale,  e che è necessario che venga istituita una figura che abbia la funzione di comunicare secondo il linguaggio della comunicazione vista nell’era dei social.  Non possono più essere commessi errori come quello di ieri sera. La notizia di pubblico interesse diventa virale dopo appena un minuto.

Torniamo alla giornata di oggi e a quanto è accaduto. Sin dalle prime ore di questa mattina la Polizia Locale, con il supporto dei volontari della Protezione Civile,  ha dovuto gestire alcune situazioni, sulle strade che collegano Ceglie ai comuni limitrofi,  dove si sono verificati cadute di alberi sulle carreggiate. Nella scuola Machiavelli il forte vento ha fatto staccare un grosso ramo da un albero di pino per fortuna senza provocare danni a persone o bambini.  Stesso problema si è verificato nella zona 167 dove l’intera pannellatura elettorale è stata smaltellata dal suolo. Per la verità la cartellonistica andava tolta subito dopo le Elezioni Europee dello scorso Maggio ma l’instabilità politica del Governo nazionale durante l’estate aveva portato gli uffici preposti a lasciarla.

Per precauzione,  con apposita ordinanza emanata  nella mattinata di oggi,  sono state chiusi il Cimitero Comunale e la Villa Cento Pini per la giornata del 12 novembre.

In conclusione pare del tutto evidente che la macchina amministrativa ha sottovalutato un momento di difficoltà come quello di un’allerta annunciata difficile. Siamo certi che la Commissaria abbia agito nella sua buona fede, non emanando nessuna ordinanza di chiusura delle scuole,  essendosi consultata con i dirigenti e funzionari di riferimento.  Allo stesso modo siamo certi che questo episodio servirà alla Commissaria, che ricordiamo è presente nella città da appena un mese,  per rendersi conto dell’efficienza della macchina amministrativa che forse negli anni è stata abituata da una gestione amministrativa che per abbreviare le tempistiche agiva e non delegava.

Condivi la notizia
natale2019
administrator

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *