Le donne del Cioccolato

(di Adele Galetta) Hanno, rispettivamente, 31 e 26 anni, le sorelle Viviana e Serena Vitale, le donne del cioccolato perché insieme, infatti, portano avanti il ramo dolciario, la Vitale Cioccolato, dell’omonima azienda di famiglia. Dalla produzione, all’aspetto contabile, burocratico fino alla vendita al pubblico. Con in tasca una Laurea in Economia per Viviana ed in Psicologia per Serena, moglie e mamma, fin da piccole hanno vissuto l’azienda, grazie all’amore trasmesso dai genitori per questo lavoro che le hanno rese partecipi delle decisioni più importanti, fino ad aver capito che lavorare in fabbrica era quello che volevano. “Il nostro progetto comune come famiglia è quello di portare avanti la nostra azienda insieme – spiega Serena –  ognuno di noi si occupa di qualcosa nello specifico, guidati dai nostri genitori, ma ogni giorno portiamo novità, idee nuove e creiamo progetti innovativi.”

 

Serena, come riesci a conciliare il tuo lavoro di imprenditrice con il tuo ruolo di mamma e moglie? Non è sempre facile, gli impegni in azienda sono tanti, Adelaide poi è una bambina che ha bisogno di molte attenzioni, ma sicuramente l’amore per il mio lavoro mi aiuta molto. La nostra azienda è la nostra famiglia, così come da piccola io seguivo i miei genitori a lavoro lo stesso fa Adelaide, pensa già che da grande farà la uova per tutti i bambini del mondo.

Viviana, quali sono le difficoltà che i giovani imprenditori incontrano in questo territorio? Innanzitutto dimostrare che essere giovani non significa essere incapaci e per questo, nel passaggio generazionale, bisogna lavorare di più. In azienda ci occupiamo veramente di tutto, dalla produzione, al confezionamento alla vendita, alla pubblicità, alla ricerca dei fornitori e alle volte tutto questo anche contemporaneamente. Mettendoci a confronto spesso con nostri concorrenti, con aziende tutte al maschile, ci rendiamo conto che ci sono dei rami che vengono sottovalutati, come per fare un esempio, il confezionamento del prodotto finito, che per la nostra azienda invece  è motivo di vanto. Poi, ovviamente,  ci sono i problemi di credito.

Come vedete il futuro per voi e la vostra azienda? L’obiettivo è quello di farla crescere sempre più, con sacrificio e umiltà con i quali i nostri genitori hanno iniziato 25 anni fa. Nostro padre era  rappresentante per una grossa azienda belga leader nel cioccolato, aveva una passione per il cioccolato e per la vendita tanto che questo lavoro lo portò prima ad essere tra i  migliori rappresentanti della ditta e poi successivamente a cimentarsi nella lavorazione del cioccolato. All’inizio era solo un hobby, una piccola azienda che è cresciuta e che serve importanti aziende dolciarie leader europee.

Condivi la notizia
administrator

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *